COIBENTAZIONE

 

Cass. 29/1092 - 11774 - Lastrico solare

Il lastrico solare, anche se attribuito in uso esclusivo o di proprietÓ esclusiva di uno dei condomini, svolge funzione di copertura del fabbricato e perci˛ l'obbligo di provvedere alla sua riparazione o ricostruzione, sempre che non derivi da fatto imputabile soltanto a detto condomino, grava su tutti i condomini, con ripartizione delle relative spese secondo i criteri di cui all'art. 1126 c.c.; di conseguenza il condominio risponde, quale custode ex art. 2051 c.c., dei danni che siano derivati al singolo condomino o a terzi per difetto di manutenzione del lastrico solare, non rilevando a tal fine che i necessari interventi riparatori o ricostruttivi non consistano in un mero ripristino delle strutture preesistenti, ma esigano una specifica modifica od integrazione in conseguenza di vizi o carenze costruttive originarie, salva in questo caso l'azione di rivalsa nei confronti del costruttore-venditore (nella specie per impedire infiltrazioni d'acqua ai piani sottostanti, era necessaria la messa in opera di materiale isolante, idoneo a sopperire all'inadeguata coibentazione delle strutture originarie).

 

Cass. civ., Sent. n. 3753, 15 aprile 1999, Sez. II

UmiditÓ conseguente a inadeguata coibentazione delle strutture perimetrali - Danni a singoli condomini - ResponsabilitÓ del condominio. L'umiditÓ conseguente a inadeguata coibentazione delle strutture perimetrali di un edificio, pu˛ integrare, ove sia compromessa l'abitabilitÓ e il godimento del bene, grave difetto dell'edificio ai fini della responsabilitÓ del costruttore ex art. 1669 cod. civ.; tuttavia, qualora il fenomeno sia causa di danni a singoli condomini, nei confronti di costoro Ŕ responsabile in via autonoma ex art. 2051 cod. civ. il condominio, che Ŕ tenuto, quale custode, a eliminare le caratteristiche lesive insite nella cosa propria.

 

 

 

Home page