Ripartizione consumo acqua

   Cass. civile, sez. II del 2014 numero 17557:  La ripartizione delle spese della bolletta dell’acqua, in mancanza di contatori di sottrazione installati in ogni singola unità immobiliare, va effettuata, ai sensi dell’art. 1123, comma 1°, c.c., in base a valori millesimali delle singole proprietà, risulta quindi viziata, per intrinseca irragionevolezza, la delibera assembleare, assunta a maggioranza, che – adottato il diverso criterio di riparto per persona in base al numero di coloro che abitano stabilmente nell’unità immobiliare – esenti al contempo dalla contribuzione i condomini i cui appartamenti siano rimasti vuoti nel corso dell’anno.

In tema di ripartizione di spese condominiali relative all'erogazione di acqua, l'amministratore che abbia stipulato con l'ente erogatore un contratto avente ad oggetto il consumo complessivo del fabbricato onde beneficiare dell'applicazione di una tariffa agevolata, può poi, del tutto legittimamente, calcolare la ripartizione interna delle spese pro quota in considerazione dei singoli ed effettivi consumi di ciascuno dei condomini, a prescindere dalla circostanza che questi, singolarmente considerati nel loro consumo, non avrebbero consentito l'applicazione della suddetta tariffa agevolata.
Cass. civ., Sez. II, 13/03/2003, n.3712

Qualora, nel mettere in pratica la regola dettata dal comma 2 dell'art. 1123 c.c. in materia di ripartizione delle spese condominiali, si incorra in conseguenze applicative che rivelino disarmonie non ascrivibili a violazioni del sistema legislativo, la relativa delibera potrà essere impugnata nei limiti di cui all'art. 1137 c.c., con conseguente possibilità di suo annullamento. (Fattispecie in tema di suddivisione delle spese relative al consumo di acqua calda).
App. Bologna, 17/06/1993

L'inesatto ovvero arbitrario criterio di ripartizione delle maggiori spese per il consumo dell'acqua, riguardando esclusivamente il merito di una delibera assembleare, costituisce motivo di annullabilità, e non di nullità della stessa.
Trib. Roma, 25/03/1993

In caso di regolamento condominiale che preveda il riparto delle spese per il consumo dell'acqua potabile, è lecita la delibera assembleare che preveda a carico del proprietario - con moglie e due figli - di un appartamento e di una mansarda la quota di partecipazione a tali spese in ragione di otto unità.
Trib. Milano, 09/11/1992

 

Home page